Servi di Maria - Genova
Parrocchia Santa Maria dei Servi




18-02-2018 I Domenica di Quaresima

Riflessioni del Gruppo Famiglia
sull'Amoris laetitia

Nell’ anno 2017 il “gruppo famiglia” della parrocchia di S. Maria dei Servi di Genova hadiscusso, nell’ambito degli incontri mensili, i capitoli 4,5,7 e 8 dell’Amoris Laetitia, la seconda esortazione apostolica di Papa Francesco avente per tema l'amore nella famiglia (sono stati tralasciati i capitoli introduttivi).
Di seguito si riporta una sintesi di quanto 
discusso duranti gli incontri.

Nel capitolo 4 intitolato “l’amore nel matrimonio” e’ messo in evidenza come l’amore nel matrimonio sia un valore indispensabile, perché senza di esso non si puo’ concepire un rapporto di fiducia, di cammino di fedeltà e di donazione reciproca.
Richiamandosi all’Inno alla Carità di San Paolo, Francesco ricorda che, come la carità, anche l’amore matrimoniale richiede pazienza, benevolenza, perdono e mai invidia, vanagloria o rabbia non controllata.
“Tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta”.
Dio ci da’ 
esempio: la Sua pazienza, il Suo sguardo di Padre che tutto comprende , che non si spazientisce e soprattutto che si pone con misericordia verso chi pecca.
La massima espressione dell'Amore matrimoniale si concretizza con la nascita dei figli.
Donare la vita è il gesto più grande che Dio potesse donare agli uomini.
Siamo chiamati a 
crescere, educare, accettare così come sono i nostri figli e mettere in cammino gli uomini e le donne del domani.

Così il capitolo 5 “L’amore che diventa fecondo” entra nel vivo della vita familiare 
(gravidanza, fecondità allargata, adozione).
I figli, il rapporto giovani-anziani, le relazioni tra 
fratelli e tutto il mondo che ci sta intorno.
Ogni bambino ha il diritto di ricevere l’amore di un padre e di una madre senza latitanze, ma la maternità non può essere soltanto biologica, c’e’ la generosità dell’adozione che e’ un modo per ricordarci che i figli , sia naturali sia adottivi o affidati, sono altro da sè ed occorre accoglierli, amarli, prendersene cura e non solo metterli al mondo.
Ma non ci si 
sposa solamente per se stessi e il matrimonio è più ricco di beni se la coppia non si rinchiude in se stessa, dice il Papa, e neanche nel nido con i figli.
Cosi’ in questo contesto di fecondità allargata la famiglia deve diventare un luogo di integrazione dove ci sono i genitori, gli zii, i cugini ed anche i vicini.
In tale famiglia allargata 
ci possono essere alcuni che hanno bisogno di aiuto o almeno di compagnia e di gesti di affetto, o possono esserci grandi sofferenze che hanno bisogno di un conforto riferendoci prima di tutto agli anziani ma anche agli amici e alle famiglie amiche come pure alle comunità di famiglie che si sostengono a vicenda nelle difficoltà, nell'impegno sociale e nella fede.

Il capitolo 7 “Rafforzare l’educazione dei figli” è tutto dedicato all’educazione dei figli: la loro formazione etica, il valore della sanzione come stimolo, il paziente realismo, l’educazione sessuale, la trasmissione della fede, e più in generale la vita familiare come
contesto educativo.
Vi è un paragrafo particolarmente significativo e pedagogicamente fondamentale nel quale Francesco afferma chiaramente che «l’ossessione non è educativa, e non si può avere un controllo di tutte le situazioni in cui un figlio potrebbe trovarsi a passare. Se un genitore è
ossessionato di sapere dove si trova suo figlio e controllare tutti i suoi movimenti, cercherà solo di dominare il suo spazio. In questo modo non lo educherà, non lo rafforzerà, non lo preparerà ad affrontare le sfide. Quello che interessa principalmente è generare nel figlio, con molto amore, processi di maturazione della sua libertà, di preparazione, di crescita integrale, di coltivazione dell’autentica autonomia».
Nella sezione dedicata all’educazione sessuale, intitolata molto espressivamente: “Sì all’educazione sessuale” si sostiene la sua necessità e ci si domanda “se le nostre istituzioni educative hanno assunto questa sfida in un’epoca in cui si tende a banalizzare e
impoverire la sessualità”.
Essa va invece realizzata “nel quadro di un’educazione all’amore,

alla reciproca donazione”.

Nel capitolo 8, l’ultimo trattato, “Accompagnare, discernere e integrare la fragilità” costituisce un invito alla misericordia e al discernimento pastorale davanti a situazioni che non rispondono pienamente a quello che il Signore propone.
Il Papa qui scrive usa tre verbi 
molto importanti: “accompagnare, discernere e integrare” che sono fondamentali nell’affrontare situazioni di fragilità, complesse o irregolari.
Qui il Pontefice assume ciò che 
è stato frutto della riflessione del Sinodo su tematiche controverse.
Si ribadisce che cos’è il 
matrimonio cristiano e si aggiunge che «altre forme di unione contraddicono radicalmente questo ideale, mentre alcune lo realizzano almeno in modo parziale e analogo».
La Chiesa 
dunque «non manca di valorizzare gli “elementi costruttivi in quelle situazioni che non corrispondono ancora o non più” al suo insegnamento sul matrimonio».
Papa Francesco, per evitare equivoci, ribadisce con forza: “Comprendere le situazioni eccezionali non implica mai nascondere la luce dell’ideale più pieno né proporre meno di quanto Gesù offre all’essere umano.”
Ma il senso complessivo del capitolo e dello spirito che Papa Francesco intende imprimere alla pastorale della Chiesa è ben riassunto nelle parole finali: “Invito i fedeli che stanno vivendo situazioni complesse ad accostarsi con fiducia a un colloquio con i loro pastori o con laici che vivono dediti al Signore. Non sempre troveranno in essi una conferma delle proprie idee e dei propri desideri, ma sicuramente riceveranno una luce che permetterà loro di comprendere meglio quello che sta succedendo e potranno scoprire un cammino di maturazione personale.

Famiglia   Gruppi   Home

Famiglia   Gruppi   Home


Parrocchia Santa Maria dei Servi - Largo Santa Maria dei Servi, 5 - 16129 Genova - p.i.: 95016550105
Tel. 010 564077 - Fax 010 581409 email: parrocchia@servidimariagenova.it
Copyright © 2016 - Parrocchia Santa Maria dei Servi di Genova - Tutti i diritti riservati