Servi di Maria - Genova
Parrocchia Santa Maria dei Servi




23-09-2017 Sabato della XXIV sett. del Tempo Ord.

CONVEGNO PROVINCIALE DELL'OSSM, LIGURIA, PIEMONTE, MARINA DI MASSA. 28 MAGGIO 2017


I partecipanti al convegno provinciale 2017 dell' Ordine Secolare dei Servi di Maria di Liguria, Piemonte e Marina di Massa

Ancora emozionati per la visitadel Santo Padre di ieri,  27 maggio, accogliamo le fraternità consorelle del Piemonte e di Marina di Massa nella nostra Parrocchia di Santa Maria  dei Servi,  situata proprio a due passi dall'altare su cui Papa Francesco ha celebrato la Santa Messa conclusiva di una giornata indimenticabile. Perciò il nostro  assistente padre Stefano ci manifesta il suo imbarazzo  a dover parlare dopo i numerosi e mirati  interventi del Pontefice che, come ha giustamente osservato il nostro cardinale Angelo, hanno messo la ali alla nostra Genova, dal travagliato presente, ma dal  passato glorioso. 

Molto  particolare l'argomento della mattinata.

Una particolare Annunciazione,  che precede di moltissimo quella a Maria : è  quella che il Creatore rivolge a Lucifero, l'ex più  bello degli Angeli, ma reso orribile dentro per l'invidia, il rancore e l'orgoglio nei confronti del Suo Signore.

Per questo, invidioso pure dell'uomo, plasmato a Immagine dell'Altissimo, si prende la rivincita e porta dalla sua parte i progenitori, soffiando nelle loro orecchie il sospetto che Dio sia geloso di loro.

Il Padre, addolorato, non può  che rispettare la scelta del rifiuto di Adamo  ed Eva, ma non li abbandona alla loro sorte.

Da qui l'annuncio a Lucifero:"Verrà una donna che ti schiaccera' il capo" traducibile in un  ben evidente  cartello  "Lavori in corso contro Satana".

Ci vorrà del tempo (i secoli nostri sono attimi nella mente del Signore), un tempo lungo, rischiarato però  da tante figure femminili -  Sara, Rebecca, Rachele, Noemi, Ruth, Ester, Giuditta ... - che portano in loro una scintilla della Luce proveniente  dal capo della Donna che annientera' il capo del principe delle tenebre.

Ed ecco che nella "pienezza dei tempi", ma,  al contempo,  nel nascondimento di un villaggio di frontiera e periferia, avviene la ri- creazione dell'uomo, affinche l'uomo ritorni a essere quello che Dio aveva sognato.

Questa volta non è  sufficiente solo il fango e il soffio del Creatore.

Dio ha bisogno  di una creatura umana per farsi uomo: Maria.

"Ciò che i Cieli non possono contenere , Tu l'hai portato in grembo."

L' Uomo, partito da Dio, ma da  Dio strappato dal suo peccato,   a Dio ritorna , attraverso il cammino umano dell'Uomo Vero, del Dio fatto Uomo, Gesù.

Che mistero e che tenerezza un Dio che impara da Giuseppe a creare tavoli e riparare porte; un Dio che impara da Maria a pregare con i Salmi, gli stessi che animano le nostre liturgie! 

I "Lavori in corso" si stavano attuando, suscitando l'ira del demonio che tentò  lo stesso "scherzo"  del Paradiso  Terrestre, ma ritornò scornato.

Gesù uscì  vittorioso dalle tentazioni del deserto e da quelle, ancora più terribili, del  Getsemani.

"Non la mia, ma la Tua volontà,  Padre" parole in cui risuona il coraggioso "Fiat" di Sua Madre, sempre vivo nel cuore di Maria dopo trentatré  anni.

Un Fiat che la porterà  affranta,  ma salda, sotto i piedi della Croce e la renderà  centro sicuro della Chiesa neonata dal Fuoco della Pentecoste.

Il Padre premierà questo Fiat con l'Assunzione, "la prima Assunzione a tempo indeterminato della storia" come scherza,  ma non troppo,Padre Stefano.

Se anche noi pronunciamo il nostro Fiat quotidiano, vivendo alla luce del Signore la realtà  del momento, giorno per giorno, ci ritroveremo in Maria col nostro corpo che risorgera' glorioso, garante Gesù,  risorto e asceso al Cielo nell'Umanità  delle Sue Sante  Piaghe. 

Dopo la Santa Messa e un lauto pasto "Genoa style", riprende la meditazione.

C'è  un Santo dal nome e dalla vita ignoti che, invece, è  notissimo per le sue ultime parole e, evento unico nella Storia della Chiesa, per la sua canonizzazione in diretta da parte di Gesù.

E' il simpatico "Buon  Ladrone" che ha letteralmente rubato il Paradiso con il suo sincero pentimento nel momento estremo.

Per noi è  di grande speranza la sua vicenda.

La Misericordia di Nostro Signore perdona tutto, ma occorre anche un minimo di nostra collaborazione.

L'accorato atto di contrizione del primo Santo ha riconosciuto la sua colpa e l'innocenza dell'Uomo che condivideva ingiustamente la sua dolorosa sorte.          

Signore, noi dell'Ordine  Secolare dei Servi di Maria ti chiediamo di aiutarci, secondo l'invito che il Santo Padre ha dato alla Chiesa di Genova, a prendere con coraggio il largo, con l'aiuto di Maria, per seguire Gesù,  VIA, VERITÀ E  VITA .




Ordine Secolare   Gruppi   Home

Ordine Secolare   Gruppi   Home


Parrocchia Santa Maria dei Servi - Largo Santa Maria dei Servi, 5 - 16129 Genova - p.i.: 95016550105
Tel. 010 564077 - Fax 010 581409 email: parrocchia@servidimariagenova.it
Copyright © 2016 - Parrocchia Santa Maria dei Servi di Genova - Tutti i diritti riservati